Martedì 21 febbraio al Centro Botanico di Piazza San Marco  e il 24 febbraio in Cesare Correnti  durante il Mercatino del BioBenessere avrete la possibilità di scoprire le proprietà della Shungite.
La Shungite è minerale naturale -in prevalenza proveniente dalla Carelia, regione del nord della Russia – a base di 60 o 70 atomi di carbonio. Possiede delle singolari caratteristiche diamagnetiche, dalle quali deriva la capacità di trasformare le onde elettromagnetiche nocive in onde biocompatibili e quindi non dannose per il nostro organismo o per quello degli altri esseri viventi.
La caratteristica distintiva della Shungite è costituita dall’alta concentrazione di Fullereni nella sua composizione. Queste molecole hanno una struttura (a forma di pallone da calcio) che permette di modificare la natura delle emissioni elettromagnetiche, pur senza arrestare il funzionamento degli apparecchi elettronici.
La Shungite naturale infatti è legata a molteplici minerali e caratterizzata da una coppia di elettroni spaiati che rendono la molecola polarizzata; essendo una caratteristica intrinseca e circolare in condizioni normali la Shungite non si carica mai e continua ad agire senza esaurire la sua azione.
Le proprietà di questo minerale vi saranno illustrate martedì 21 e sabato 25 febbraio rispettivamente dai nostri esperti Marcello e Gino che vi presenteranno gli oggetti in Shungite della Q-Guard, in grado di attivare una protezione naturale sull’inquinamento elettromagnetico: piramidi con vari raggi d’azione a seconda della dimensione, tondini per i cellulari e braccialetti.

SAPERNE DI PIÙ 
Storia
Quando è stata scoperta la Shungite?
Pare che l’utilizzo della pietra di Shungite risalga a partire dal 1500 in Russia quando la zarina madre curò la sua sterilità con acque di Shungite. Il figlio, lo zar Pietro Primo (anche conosciuto come Pietro il Grande), costruì sul lago Onega un centro termale che rese famose queste acque in tutte le corti europee. Anche le truppe impiegate per combattere Napoleone a Waterloo erano dotate di Shungite nelle gavette e nei serbatoi d’acqua per gli effetti benefici che questa pietra rilascia.

Scienza
Cos’è il Fullerene?
Il Fullerene è molecola che compone la Shungite. Scoperta nei laboratori americani nel 1985 da Harold Kroto, Robert Curl e Richard Smalley – che per questo hanno vinto il premio Nobel nel 1996 – si tratta della terza forma pura di aggregazione del carbonio (le altre sono presenti nella grafite e nel diamante).